Portale Aziende Marche. Produzione, hotel,ristorante.

Ti trovi in:   Inizio > Concorsi pubblici nelle Marche – UNIVERSITA’ POLITECNICA DELLE MARCHE 210917

Aziende delle Marche

Ultima azienda recensita in provincia di Ancona
 AT METALLI SRL  60131  ANCONA

Ultima azienda recensita in provincia di Ascoli Piceno
Fondazione Italiana Gestalt  63074  San Benedetto del Tronto

Ultima azienda recensita in provincia di Fermo
 Elisabet srl  63813  Monte Urano

Ultima azienda recensita in provincia di Macerata
 Bikers sas di Frontoni  62010  Pollenza

Ultima azienda recensita in provincia di Pesaro-Urbino
 Brancorsini  61122  Pesaro

 

Concorsi pubblici nelle Marche

UNIVERSITA’ POLITECNICA DELLE MARCHE 210917

12.09.2017

SELEZIONE PUBBLICA PER L'ASSUNZIONE CON CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO A TEMPO INDETERMINATO
DI 2 UNITA' DI CAT. C - AREA AMMINISTRATIVAIN REGIME DI TEMPO PIENO


Bando emanato con O.D. n. 428 del 18.7.2017
e pubblicato all'Albo Ufficiale on line dell'Università Politecnica delle Marche in data 22.8.2017
(Avviso pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana IV s.s. n. 63 del 22.8.2017)
SCADENZA 21 SETTEMBRE 2017

IL DIRETTORE GENERALE
VISTO lo Statuto di autonomia dell'Università Politecnica delle Marche;
VISTO il vigente contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto Università;
VISTA la Legge 5.2.1992 n. 104, e successive modificazioni ed integrazioni, e in particolare
gli articoli 20, 21 e 22;
VISTA la Legge 12.3.1999 n. 68, e successive modificazioni ed integrazioni, recante
norme per il diritto al lavoro dei disabili;
VISTA la Legge 7.8.1990 n. 241 e successive modificazioni ed integrazioni;
VISTO il "Regolamento in attuazione della legge 7 agosto 1990 n. 241 in materia di
procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi" adottato da
questo Ateneo, per le parti non disapplicate da successive disposizioni legislative;
VISTO il D.P.R. 9.5.1994, n. 487, "Regolamento recante norme sull'accesso agli impieghi
nelle pubbliche amministrazioni e le modalità di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici
e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi", e successive modificazioni ed
integrazioni;
VISTO il "Regolamento per i concorsi e la progressione verticale del personale tecnicoamministrativo
dell'Università Politecnica delle Marche", emanato con D.R. n. 1215 del
5.6.2002 e successive modificazioni ed integrazioni, per le parti non disapplicate da
successive disposizioni legislative;
VISTO il D.P.R. 445 del 28.12.2000, e successive modificazioni ed integrazioni;
VISTO il D.Lgs. 30.3.2001 n. 165 e successive modificazioni e integrazioni;
VISTO il D.Lgs. 30.6.2003 n. 196, "Codice in materia dei dati personali";
VISTO il D.Lgs. 11.4.2006 n. 198, "Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma
dell'articolo 6 della legge 28.11.2005, n. 246";
VISTO l'art. 32 della Legge 18 giugno 2009, n. 69 così come modificato dall'art. 2 comma
5 della legge 26.2.2010 n. 25;
VISTO il D.Lgs. 7.3.2005 n. 82 (Codice dell'Amministrazione Digitale - CAD) così come
modificato ed integrato dal Decreto Legislativo 30.12.2010 n. 235;
VISTO il D.P.R. 30 luglio 2009, n. 189 e in particolare l'art. 2 recante disposizioni in
materia di riconoscimento dei titoli di studio accademici stranieri per l'accesso ai pubblici
concorsi;
VISTO il D.L. 25.6.2008 n. 112, convertito con modificazioni dalla L. 6.8.2008 n. 133 e
successive modificazioni ed integrazioni, ed in particolare l'art. 66, comma 13 bis;
VISTA la Legge 12.11.2011 n. 183, recante "Disposizioni per la formazione del bilancio
annuale e pluriennale dello stato (legge di stabilità 2012)" ed in particolare l'art. 15, comma 1;
VISTO il D.Lgs. 29.3.2012 n. 49, recante disposizioni in materia di programmazione,
monitoraggio e valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli Atenei, e
successive modificazioni ed integrazioni;
VISTA la Legge 6.11.2012, n. 190, "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della
corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione", e successive modificazioni ed
integrazioni;
VISTO il D.Lgs. 14.3.2013 n. 33 e successive modificazioni ed integrazioni, recante norme
sul "Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di
pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche
amministrazioni";
VISTO il D.Lgs. 25.5.2016, n. 97, "Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia
di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre
2012, n. 190 e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell'articolo 7 della
legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni
pubbliche";
VISTA la Legge 11.12.2016 n. 232 (legge di stabilità 2017);
VISTO il D.L. 30.12.2016 n. 244, "Proroga e definizione dei termini", convertito con
modificazioni dalla Legge 27.2.2017, n. 19;
VISTA la delibera n. 374 del 28.3.2017, con la quale il Consiglio di Amministrazione di
questo Ateneo ha assegnato una quota di punti organico del contingente 2017 per
l'assunzione, tra l'altro, di n. 8 unità di personale di categoria C, area amministrativa, in
regime di tempo pieno, pari a 2,00 p.o;
CONSIDERATO che per sette posti si è provveduto mediante scorrimento di una
graduatoria vigente, che presentava un pari numero di idonei e per un posto sono state
avviate le procedure di mobilità esterna volontaria di cui all'art. 57 del CCNL 2006-2009 e
all'art. 30, comma 2 bis del D.Lgs.165/2001;
ESPLETATA, con esito negativo, la mobilità prevista dall'art. 34-bis del D.Lgs. 165/2001,
per tutti gli otto posti;
ESPLETATA con esito positivo la mobilità esterna volontaria;
CONSIDERATO che la sopra citata delibera del Consiglio di Amministrazione n. 374/2017
autorizzava l'indizione di una selezione pubblica per i posti eventualmente non ricoperti;
TENUTO CONTO che non è stato possibile ricoprire n. 2 unità, per le quali si rende
necessario bandire la presente selezione;
VISTO il D.Lgs. 15.3.2010 n. 66 "codice dell'ordinamento militare", ed in particolare gli
articoli 678 e 1014, recanti disposizioni in materia di riserva di posti, nei pubblici concorsi
per il personale militare volontario congedato;
CONSIDERATO che sui posti messi a selezione con il presente bando è prevista la riserva
per i militari volontari congedati in ragione di frazione di posto, pari a 0,60;
TENUTO CONTO che, risultando pari a 1,60 il resto percentuale derivante da precedenti
selezioni, si determina una riserva teorica di n. 2 posti con resto percentuale di 0,20;
VISTO l'art. 5, comma 1, del D.P.R. 10.1.1957 n. 3, richiamato dal precitato art. 1014 del
D.Lgs. 66/2010, ai sensi del quale "nei concorsi per l'ammissione alle carriere direttive e di
concetto le riserve di posti previste da leggi speciali in favore di particolari categorie
di cittadini non possono complessivamente superare la metà dei posti messi a concorso";
CONSIDERATO che con la presente procedura vengono banditi due posti e pertanto è
possibile applicare la riserva per un posto;
CONSIDERATO che n. 1,20 posti da riservare ai militari volontari congedati sono
accantonati, per essere banditi in futuri concorsi ove sia possibile applicare la riserva;
VISTO il combinato disposto dell'art. 38, commi 1 e 3 bis del D.Lgs. n. 165/2001, così come
modificato dalla L. n. 97/2013, e del DPCM 7.2.1994 n. 174, recanti norme sull'accesso dei
cittadini degli Stati membri dell'Unione Europea, dei loro familiari e dei cittadini di paesi terzi
ai posti di lavoro presso le amministrazioni pubbliche;
CONSIDERATO che lo svolgimento delle attività connesse al posto bandito non implica
l'esercizio diretto o indiretto di pubblici poteri ovvero non attiene alla tutela degli interessi
nazionali;
ACCERTATA la disponibilità di bilancio per le assunzioni in parola

DISPONE


ART. 1
E' indetta una selezione pubblica, per esami, per l'assunzione, con contratto di lavoro
subordinato a tempo indeterminato in regime di tempo pieno (36 ore settimanali) di n. 2
unità di personale di categoria C – posizione economica C1 – Area amministrativa,
presso l'Università Politecnica delle Marche.
Attività connessa al posto:
attività amministrativa e contabile propria delle strutture universitarie.
Ai sensi del contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto Università, le attività che il
personale appartenente alla categoria C può svolgere sono caratterizzate da:
- grado di autonomia: svolgimento di attività inerenti procedure, con diversi livelli di
complessità, basate su criteri parzialmente prestabiliti:
- grado di responsabilità: relativa alla correttezza complessiva delle procedure gestite.
ART. 2
Pari opportunità
Ai sensi dell'art. 27 comma 5 del Decreto Legislativo 11.4.2006 n. 198, alla selezione
indetta con il presente bando sono ammessi a partecipare i candidati dell'uno e dell'altro
sesso, in possesso dei requisiti previsti dal successivo articolo 4.
L'Università Politecnica delle Marche garantisce parità e pari opportunità tra uomini e
donne per l'accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro.
ART. 3
Riserva
Uno dei due posti messi a selezione è riservato ai volontari in ferma breve e in ferma
prefissata delle Forze Armate congedati senza demerito ovvero durante il periodo di
rafferma nonché ai volontari in servizio permanente, agli ufficiali di complemento in ferma
biennale e agli ufficiali in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma
contratta.
La riserva opera nel caso in cui i candidati appartenenti alla categoria avente diritto alla
riserva superino le prove d'esame.
Nel caso in cui non vi siano aspiranti riservatari, il posto sarà libero e verrà ricoperto con
il/la candidato/a utilmente collocato/a secondo l'ordine della graduatoria.
ART. 4
Requisiti per l'accesso
Per l'accesso alla selezione sono richiesti i seguenti requisiti:
a) titolo di studio: diploma di scuola secondaria di secondo grado di durata quinquennale,
ovvero titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto equipollente a quelli previsti in base
ad accordi internazionali ovvero alla normativa vigente.
Per coloro che abbiano conseguito il titolo di studio all'estero, fermi restando tutti gli altri
requisiti soggettivi previsti, l'assunzione è subordinata al rilascio del provvedimento di
equiparazione (art. 2 del DPR 30.7.2009, n. 189; art. 38 D.Lgs. 165/2001) o del
riconoscimento di equipollenza al titolo di studio italiano in base ad accordi internazionali.
Nel caso in cui il titolo non sia stato equiparato o riconosciuto al momento di presentazione
della domanda di partecipazione alla selezione, il candidato dovrà espressamente
dichiarare di aver avviato l'iter procedurale previsto dalla normativa vigente e sarà
ammesso al concorso con riserva da sciogliersi subordinatamente all'esito della procedura
di riconoscimento o equiparazione.
Le modalità di richiesta di equivalenza dei titoli di studio stranieri, ai sensi dell'art. 38 del
D.Lgs. 165/2001, sono pubblicate sul sito del Dipartimento della Funzione Pubblica, nella
sezione "Strumenti e controlli - Moduli equivalenza titoli di studio";
b) età non inferiore agli anni 18;
c) cittadinanza italiana (sono equiparati ai cittadini italiani gli italiani non appartenenti alla
Repubblica) o cittadinanza di uno Stato membro dell'Unione Europea.
Possono partecipare alla selezione anche:
- i familiari di cittadini comunitari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro della U.E.
che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;
- i cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di
lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione
sussidiaria;
d) idoneità fisica all'impiego;
e) essere in regola con le leggi sugli obblighi militari (per i candidati tenuti a tale obbligo);
f) non aver riportato condanne penali o interdizione o altre misure che escludano dall'accesso
agli impieghi presso pubbliche amministrazioni secondo la normativa vigente.
Non possono accedere agli impieghi coloro che siano esclusi dall'elettorato politico attivo e
coloro che siano stati licenziati per motivi disciplinari, destituiti o dispensati dall'impiego
presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero siano
stati dichiarati decaduti da un impiego statale, ai sensi dell'art. 127, 1° comma, lettera d),
del T.U. delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato
con DPR 10.1.1957 n. 3.
I cittadini non italiani devono possedere i seguenti requisiti:
1) godere dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza;
2) essere in possesso, fatta eccezione per la titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli
altri requisiti prescritti per i cittadini della Repubblica;
3) avere adeguata conoscenza della lingua italiana. Tale conoscenza sarà accertata
attraverso le prove d'esame.
I requisiti prescritti, sia per i cittadini italiani sia per i cittadini non italiani, devono essere
posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione delle domande di
partecipazione alla selezione.
I candidati sono ammessi alla selezione con riserva. L'esclusione per difetto dei requisiti
prescritti è disposta in qualunque momento con provvedimento motivato.
ART. 5
Presentazione delle domande
La domanda di partecipazione, indirizzata al Direttore Generale dell'Università Politecnica
delle Marche, Piazza Roma n. 22, Ancona, dovrà pervenire entro il termine perentorio di
30 giorni, che decorrono dalla data della pubblicazione dell'avviso relativo al presente
bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, e dovrà essere fatta pervenire
esclusivamente con una delle modalità di seguito elencate:
 raccomandata con avviso di ricevimento all'indirizzo sopra indicato: la data di spedizione
della domanda è stabilita e comprovata dal timbro a data dell'ufficio postale accettante;
 a mezzo fax al n. 071.220.3023: l'Amministrazione non assume alcuna responsabilità
per il mancato ricevimento delle domande trasmesse via fax;
 a mezzo posta elettronica certificata, secondo le modalità specificate al successivo art. 6;
 consegnata a mano presso la "Ripartizione Concorsi, Formazione, Relazioni Sindacali",
Via Oberdan 8, Ancona – nei seguenti giorni ed orari:
o lunedì, martedì, giovedì, venerdì: dalle 11.00 alle 13.00
o mercoledì dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 16.30
La domanda dovrà essere redatta secondo lo schema allegato che è parte integrante del
presente bando (allegato 1), riportando tutte le indicazioni che, secondo le norme vigenti, i
candidati sono tenuti a fornire.
Il bando e lo schema sono pubblicati sul sito Internet http://www.univpm.it, nella sezione
"Bandi, concorsi e gare – Concorsi e selezioni - Personale Tecnico Amministrativo – Bandi di
concorso".
Nella domanda gli aspiranti dovranno indicare sotto la propria responsabilità, ai sensi del
D.P.R. n. 445/2000, quanto segue:
1) cognome e nome;
2) luogo e data di nascita;
3) codice fiscale;
4) il possesso della cittadinanza italiana, tranne che per i cittadini di cui al punto c) del
precedente art. 4 che dovranno indicare la propria cittadinanza ovvero specificare la
propria appartenenza ad una delle categorie tra quelle ivi previste;
5) il comune nelle cui liste elettorali sono iscritti ovvero i motivi della mancata iscrizione o
della cancellazione dalle liste medesime;
6) l'immunità da condanne penali o le eventuali condanne riportate (da indicare anche se sia
stata concessa amnistia, condono, indulto o perdono giudiziale), ed i procedimenti penali
eventualmente pendenti;
7) di essere in possesso del titolo di studio richiesto per l'ammissione alla selezione, con
l'indicazione dell'Istituto che lo ha rilasciato e della data di conseguimento, specificando
per i titoli conseguiti all'estero il sussistere di una delle condizioni previste al precedente
art. 4, punto a);
8) la propria posizione nei riguardi degli obblighi militari (per i candidati soggetti a tale
obbligo);
9) gli eventuali servizi prestati presso pubbliche amministrazioni (dichiarazione da rendersi
anche se negativa);
10) di non essere stati licenziati per motivi disciplinari, destituiti o dispensati dall'impiego
presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, e di non
essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale, ai sensi dell'art. 127, 1° comma,
lettera d), del T.U. delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello
Stato, approvato con DPR 10.1.1957 n. 3;
11) gli eventuali titoli di preferenza a parità di valutazione (allegato 2);
12) il proprio domicilio o recapito al quale desiderano siano trasmesse le eventuali
comunicazioni.
La domanda deve contenere in modo esplicito tutte le dichiarazioni di cui sopra.
L'omissione anche di una sola di esse, se non sanabile, comporta l'invalidità della domanda
stessa con l'esclusione dell'aspirante dalla selezione.
Ai soli fini conoscitivi, alla domanda dovrà essere allegato un curriculum culturale e
professionale, redatto nel formato europeo.
I candidati riconosciuti portatori di handicap e/o disabili, ai sensi della Legge 104/1992, e
successive modificazioni ed integrazioni, e della Legge 68/1999, potranno richiedere,
utilizzando la sezione appositamente predisposta nello schema di domanda, i benefici di cui
alle predette norme, specificando l'ausilio necessario per lo svolgimento delle prove
d'esame in relazione alla propria condizione, nonché l'eventuale necessità di tempi
aggiuntivi. In tal caso gli interessati dovranno allegare anche una certificazione medicosanitaria,
che contenga gli elementi essenziali relativi alla propria condizione, al fine di
consentire a questa Amministrazione di predisporre per tempo mezzi e strumenti atti a
garantire ai predetti di concorrere in situazione di parità con gli altri candidati.
L'Amministrazione non assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni
dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte del concorrente o da mancata
oppure tardiva comunicazione del cambiamento dell'indirizzo indicato nella domanda, né
per eventuali disguidi postali, telegrafici o telematici o comunque imputabili a fatto di terzi, a
caso fortuito o a forza maggiore.
La ricevuta di avvenuta consegna della domanda rilasciata dall'Amministrazione non
attesta la correttezza e la completezza della domanda stessa e della relativa
documentazione.
Non si terrà conto delle domande presentate o spedite oltre il termine indicato nel presente
articolo.
ART. 6
Sottoscrizione dell'istanza di partecipazione
e della dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà
La domanda di partecipazione, oltre a contenere le dichiarazioni comprovanti il possesso
dei requisiti per l'accesso ai pubblici impieghi, funge anche da dichiarazione sostitutiva
dell'atto di notorietà.
Ai sensi dell'art. 38 comma 3 del D.P.R. 28.12.2000 n. 445, la predetta istanza deve
essere:
➢ firmata dall'interessato in presenza del dipendente addetto a riceverla
ovvero
➢ qualora venga spedita per posta o fax oppure sia presentata direttamente da persona
diversa dal candidato, sottoscritta e presentata unitamente a copia fotostatica, fronte e
retro, non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore. Saranno ritenuti validi
solamente i documenti d'identità provvisti di fotografia e rilasciati da un'Amministrazione
dello Stato.
Saranno escluse le domande non firmate.
Il predetto art. 38 del D.P.R. 445/2000 prevede inoltre che tutte le istanze, la copia
fotostatica del documento di identità e le dichiarazioni da presentare alla Pubblica
Amministrazione possono essere inviate anche per via telematica.
Ai sensi dell'art. 65 del Codice dell'Amministrazione Digitale citato nelle premesse le
istanze e le dichiarazioni trasmesse per via telematica sono valide se sottoscritte mediante
la firma digitale ovvero quando il sottoscrittore è identificato dal sistema informatico con
l'uso della carta di identità elettronica o della carta nazionale dei servizi ovvero attraverso le
credenziali di accesso relative all'utenza personale di posta elettronica certificata.
Qualora si intenda avvalersi della Posta Elettronica Certificata, l'istanza dovrà essere
inviata all'indirizzo protocollo@pec.univpm.it. L'invio potrà avvenire unicamente da altra
PEC personale del candidato; non sarà considerata valida la domanda inviata da un
indirizzo di posta elettronica non certificata.
La domanda sottoscritta secondo le modalità previste dall'art. 65 sopracitato e gli allegati
dovranno essere inviati in formato pdf o jpg (dimensione massima 10 MB).
I candidati dovranno inserire nell'oggetto della mail, la dicitura "CONCORSO PTA
TEMPO_INDETERMINATO_2017_CATEGORIA_ C_AMMINISTRATIVA"
Il canale prescelto della Posta Elettronica Certificata per l'inoltro della domanda può essere
utilizzato dall'Amministrazione nel prosieguo dell'iter concorsuale.
Le istanze e le dichiarazioni inviate secondo le modalità telematiche descritte nei
precedenti commi sono equivalenti alle istanze e alle dichiarazioni sottoscritte con firma
autografa apposta in presenza del dipendente addetto.
ART. 7
Preselezione
In relazione al numero di domande pervenute, le prove di esame saranno precedute da una
preselezione attraverso un questionario sul programma d'esame indicato al successivo art.
8.
Saranno ammessi a sostenere le prove scritte i primi 50 (cinquanta) candidati classificati
nonché tutti i candidati collocati a parità di punteggio con il cinquantesimo.
Il punteggio conseguito nella prova preselettiva non concorre alla formazione del voto finale
di merito.
La notifica di ammissione alle prove scritte avverrà mediante pubblicazione sul sito
istituzionale dell'Ateneo nella sezione "Bandi, concorsi e gare – Concorsi e selezioni -
Personale Tecnico Amministrativo – Bandi di concorso".
Dalla preselezione sono esonerati e sono pertanto ammessi a sostenere le prove d'esame:
a) i candidati che abbiano maturato presso questo Ateneo, alla data di scadenza del
presente bando, almeno 12 mesi di servizio negli ultimi 5 anni in Categoria C o superiore,
prestato con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, stipulato ai sensi dell'art.
22 del c.c.n.l. 2006-2009 del comparto Università;
b) le persone handicappate affette da invalidità uguale o superiore all'80%, secondo
quanto previsto dal comma 2-bis dell'art. 20 della legge n. 104/1992, aggiunto dalla legge
n. 114/2014.
ART. 8
Prove d'esame
Le prove d'esame consisteranno in due prove scritte, di cui una a contenuto teorico pratico,
ed una prova orale, sugli argomenti di seguito indicati.
La prima prova scritta, che potrà consistere in un elaborato ovvero in una serie di
domande a risposta sintetica, verterà su:
• nozioni di legislazione universitaria con particolare riferimento alla Legge 30.12.2010 n.
240 e s.m.i. "Norme in materia di organizzazione delle università, di personale
accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e
l'efficienza del sistema universitario"
• nozioni di diritto amministrativo con particolare riferimento alla disciplina del
procedimento amministrativo, degli atti e dei provvedimenti amministrativi
(Legge 7.8.1990 n. 241 e s.m.i. "Nuove norme in materia di procedimento
amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi")
• nozioni in materia di obblighi di pubblicità e trasparenza, quali strumenti per il contrasto
alla corruzione
(D.Lgs 14.1.2013 n. 33 e s.m.i. "Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di
pubblicità trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche
amministrazioni")
• Statuto di autonomia dell'Università Politecnica delle Marche
(http://www.univpm.it/Entra/Statuto)
• Regolamento d'Ateneo per l'Amministrazione, la Finanza e la Contabilità
http://www.univpm.it/Entra/Regolamento_per_lAmministrazione_la_Finanza_e_la_Contabilita
• Regolamento Generale dell'Università Politecnica delle Marche
http://www.univpm.it/Entra/Regolamento_Generale_Ateneo
• Regolamento Didattico dell'Università Politecnica delle Marche
http://www.univpm.it/Entra/Regolamento_Didattico_di_Ateneo
la seconda prova scritta a contenuto teorico pratico, che potrà consistere in un
elaborato ovvero in una serie di domande a risposta sintetica, verterà su:
• elementi di contabilità economico patrimoniale;
• tecniche di redazione di un provvedimento amministrativo
A ciascuna prova è attribuito un punteggio massimo di 30 punti.
I candidati non possono portare carta da scrivere, appunti manoscritti, libri o pubblicazioni
di qualunque specie, né utilizzare telefoni cellulari ed apparecchiature elettroniche di alcun
genere. Potranno consultare solamente i dizionari della lingua italiana.
Alla prova orale saranno ammessi i candidati che abbiano riportato in ciascuna prova scritta
la votazione di almeno 21/30.
Ai candidati che conseguiranno l'ammissione alla prova orale sarà data comunicazione con
l'indicazione del voto riportato nelle prove scritte mediante pubblicazione sul sito
istituzionale dell'Ateneo nella sezione "Bandi, concorsi e gare – Concorsi e selezioni -
Personale Tecnico Amministrativo – Bandi di concorso".
La prova orale verterà sugli argomenti delle prove scritte e comprenderà l'accertamento
della conoscenza della lingua inglese e dell'uso delle applicazioni informatiche più diffuse.
La prova orale si intenderà superata se i candidati conseguiranno la votazione di almeno
21/30.
ART. 9
Commissione giudicatrice
La Commissione giudicatrice sarà nominata ai sensi dell'art. 12 del "Regolamento per i
concorsi e la progressione verticale del personale tecnico-amministrativo dell'Università
Politecnica delle Marche", emanato con D.R. n. 1215 del 5.6.2002. Le sedute della
Commissione giudicatrice durante lo svolgimento della prova orale sono pubbliche. Al
termine di ogni seduta la Commissione formerà l'elenco dei candidati esaminati, con
l'indicazione del voto riportato; tale elenco, sottoscritto dal Presidente e dal Segretario, sarà
affisso all'Albo della sede d'esame.
ART. 10
Titoli di preferenza
I candidati che abbiano superato la prova orale dovranno far pervenire al Direttore
Generale dell'Università Politecnica delle Marche - Piazza Roma 22 - Ancona, entro il
termine perentorio di 15 giorni decorrenti dal giorno successivo a quello in cui hanno
sostenuto la prova medesima, e qualora non li abbiano già indicati nella domanda, una
dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, ai sensi dell'art. 47 della Legge 445/2000,
fornendo tutti gli elementi necessari per l'accertamento della veridicità dei dati ivi contenuti.
Per le modalità di presentazione della dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà valgono
le disposizioni indicate al precedente art. 6.
ART. 11
Graduatoria
Espletate le prove d'esame, la Commissione giudicatrice formulerà la graduatoria generale
di merito, secondo l'ordine decrescente della votazione complessiva, costituita dalla somma
del voto conseguito nelle prove scritte e nella prova orale, tenuto conto che il punteggio
massimo attribuibile alle prove è pari a 90.
Con provvedimento del Direttore Generale, tenuto conto delle eventuali preferenze, sarà
approvata la graduatoria generale di merito della selezione bandita con il presente
provvedimento e saranno dichiarati i vincitori / le vincitrici.
La graduatoria, unitamente alla dichiarazione dei vincitori / delle vincitrici, sarà pubblicata
all'Albo Ufficiale on line dell'Università Politecnica delle Marche all'indirizzo www.univpm.it .
Dalla data di tale pubblicazione decorrerà il termine di validità della graduatoria ed il
termine per eventuali impugnative.
L'Amministrazione si riserva la possibilità, nel rispetto dei vincoli di bilancio e dei principi di
efficacia ed economicità, di utilizzare la graduatoria per un periodo non superiore a 36 mesi
dalla data di pubblicazione, salvo diverse disposizioni normative in merito alla validità delle
graduatorie concorsuali.
ART. 12
Assunzione in servizio
I vincitori / le vincitrici saranno invitati/e a sottoscrivere il contratto individuale di lavoro a
tempo indeterminato per l'assunzione in prova in conformità a quanto stabilito dal vigente
contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto Università e ai sensi e per gli effetti del
D.Lgs. 165/2001 e s.m.i.
Il contratto individuale di lavoro stabilirà la decorrenza del rapporto nonché specifiche
norme regolanti il periodo di prova.
Coloro che senza giustificato motivo non procedano nel termine stabilito
dall'Amministrazione, a seguito di formale comunicazione, alla stipula del contratto,
decadranno dal diritto all'assunzione in servizio.
In caso di assunzione per giustificato motivo con ritardo sul termine prefissato, gli effetti
economici decorreranno dalla data di presa di servizio.
Ai / alle nuovi/e assunti/e spetta il trattamento economico previsto dal vigente contratto
collettivo nazionale di lavoro del comparto Università per la categoria C – posizione
economica C1. Spettano inoltre le eventuali indennità fisse e ripetibili.
Per tutto quanto non espressamente indicato in merito alla costituzione del rapporto di
lavoro, si applicano le norme contenute del C.C.N.L. del comparto Università.
ART. 13
Accertamento della veridicità delle dichiarazioni rese
L'Amministrazione ha facoltà di accertare d'ufficio la veridicità di quanto dichiarato dal
vincitore/vincitrice. Fermo restando quanto previsto dal D.P.R. 445/2000 in merito alle
sanzioni penali in caso di dichiarazioni mendaci, qualora dal controllo emerga la non
veridicità del contenuto della dichiarazione, la persona decadrà dall'assunzione.
ART. 14
Accesso agli atti
I concorrenti hanno facoltà di esercitare il diritto di accesso agli atti del procedimento ai
sensi del Capo III del "Regolamento in attuazione della legge 7 agosto 1990 n. 241 in
materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi"
adottato da questo Ateneo, con le modalità ivi previste.
ART. 15
Trattamento dei dati personali
I dati personali forniti dai candidati saranno utilizzati per le sole finalità inerenti allo
svolgimento della selezione, ed all'eventuale costituzione del rapporto di lavoro.
Il conferimento di tali dati è obbligatorio ai fini della valutazione dei requisiti di
partecipazione, pena l'esclusione dalla selezione.
I dati saranno trattati nel rispetto di quanto disposto dal D.Lgs. 30.6.2003 n. 196.
Titolare del trattamento è l'Università Politecnica delle Marche, con sede ad Ancona,
Piazza Roma 22.
Il Responsabile del trattamento è il Direttore Generale.
ART. 16
Responsabile del procedimento
Ai sensi di quanto disposto dalla Legge 7.8.1990, n. 241, il responsabile del procedimento
di cui al presente bando è il Responsabile del Servizio Risorse Umane dell'Università
Politecnica delle Marche.
ART. 17
Calendario d'esame
Il calendario d'esame sarà pubblicato all'Albo Ufficiale on-line dell'Università
Politecnica delle Marche all'indirizzo www.univpm.it nella sezione "Bandi di
concorso e mobilità – Personale Tecnico Amm.vo – concorsi pubblici PTA"
La pubblicazione del calendario d'esame sul portale d'Ateneo equivale a notifica a
tutti gli effetti di legge.
I candidati ai quali non sia stata comunicata l'esclusione dalla selezione dovranno
presentarsi, senza alcun preavviso, nel luogo, nei giorni ed alle ore indicati, muniti di valido
documento di riconoscimento.
Qualora non fosse possibile rispettare il calendario, questa Amministrazione provvederà a
comunicare ai candidati il nuovo calendario, almeno due giorni prima della data già fissata
per la prova mediante pubblicazione di notifica all'Albo Ufficiale on line dell'Università
Politecnica delle Marche, con un preavviso di almeno 15 giorni rispetto alle date
nuovamente definite.
Ai sensi della vigente normativa il presente provvedimento non è soggetto al visto degli
organi di controllo esterni.
f.to IL DIRETTORE GENERALE
Dott. Giorgio Barchiesi

 

 LINK AL BANDO


Aziende delle Marche

EVENTI NELLE MARCHE

EVENTI NELLE MARCHE

Inizio pagina | Portalemarche.eu è un sito di informazione culturale, economico, sociale nella Regione Marche. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportate sono fornite da enti, associazioni e privati e\o tratte dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |